Progetti

La Regione africana certificata libera dal poliovirus selvaggio

Cari soci e amici che ci leggete,
avrete sicuramente visto post sui social e news ai telegiornali che parlavano del successo raggiunto in merito all’eradicazione della polio.
Abbiamo il piacere di condividere con voi la comunicazione ufficiale ricevuta dal Distretto 2042.

Buona lettura

 

 

Ai Presidenti di Club
alla Squadra Distrettuale
alle Segreterie di Club

Cari Presidenti,
martedì 25 agosto 2020 è stato dato l’atteso annuncio ufficiale della certificazione della scomparsa del virus selvaggio della poliomielite dall’Africa.

In una cerimonia che ha riunito telematicamente i rappresentanti delle organizzazioni che sono state protagoniste di questo storico evento oltre che autorevoli esponenti politici di alcuni dei 47 paesi africani coinvolti, si è dato conto dell’enorme impegno che in 25 anni ha permesso di ottenere questo decisivo risultato.

Nel 1996 infatti Nelson Mandela lanciava, sull’onda di quanto già si faceva in maniera sporadica, il programma “Kick Polio out of Africa”. Allora, ogni anno, 75.000 bambini venivano colpiti da paralisi a causa della polio. Si può quindi stimare di avere evitato 1.800.000 casi attraverso la distribuzione di 9 miliardi di dosi di vaccino a circa 220 milioni di bambini ogni anno, anche più volte all’anno, con la decisiva opera di oltre due milioni di vaccinatori volontari accanto al personale sanitario nazionale e internazionale.
Formidabile è stato il contributo del Rotary International, presente alla cerimonia con il suo Presidente Holger Knaack, e dei suoi soci, non solo economico, ma anche organizzativo e di sostegno e stimolo. Di ciò hanno dato testimonianza numerosi interventi nell’occasione, in particolare quello del Direttore Generale dell’OMS e del Presidente della Nigeria.

L’impegno è però tutt’altro che finito, come è stato opportunamente ricordato. La poliomielite è ancora infatti presente in Africa a causa di alcune diecine di casi all’anno dovuti alla somministrazione del vaccino orale e ciò, in particolare, per la diminuzione del tasso di copertura delle campagne vaccinali.

Non si deve quindi abbassare la guardia nella consapevolezza inoltre che, come è ben spiegato sul sito: www.africakicksoutwildpolio.com, la scomparsa del virus selvaggio della polio dall’Africa ha portato benefici che vanno ben al di là dall’avere salvato innumerevoli bambini dalla paralisi.

Tutti i programmi sanitari dell’Africa sono oggi più forti per gli investimenti fatti per le vaccinazioni, la sorveglianza e la risposta alle epidemie. Un’estesa rete di persone e intere comunità, che sono state addestrate a contrastare la poliomielite, aiutano a proteggere milioni di persone dalle malattie che si possono prevenire con i vaccini.

Oggi questa formidabile organizzazione è impegnata anche nella lotta contro il virus COVID-19 e questa eredità costituirà per anni il fondamento per raggiungere altri importanti traguardi sanitari nel continente africano.
Il programma dell’eradicazione della poliomielite ha letteralmente trasformato la percezione di quello che potrà essere il futuro della salute dei popoli dell’Africa e nutrito la convinzione che altri traguardi sono possibili. Non deve quindi venire meno il nostro sostegno.

Un caro saluto.

Cesare Cardani
End Polio Now Coordinator Zona 15

Laura Brianza
Governatore Distretto 2042